La “Mintonette”: il volano americano

Storia dell’origine della Pallavolo moderna

Benché di alcuni giochi con la palla ci siano testimonianze fin dalla Cina imperiale, i giochi “sferistici” europei affini alla pallavolo risalgono propriamente e più probabilmente all’antichità greca e romana.

La vera e propria pallavolo moderna nasce solo nel 1895 in America con la “mintonette” (nome probabilmente derivato per assonanza dal gioco inglese settecentesco del badminton). La mintonette venne introdotta in un college americano come allenamento per giocatori di altre discipline sportive, come il rugby. Lo sport ebbe quasi subito larga diffusione negli Stati Uniti per via di questa concezione innovativa che non prevedeva né contatto fisico con l’avversario né esaltazione della forza fisica, fino ad allora caratteristica predominante negli sport fisici. La mintonette prediligeva invece quelle doti di agilità, prontezza di riflessi e capacità di concentrazione che ne determinarono il successo.

Lo sport dell’agonismo leale e democratico approda in Italia

La pallavolo nasceva in seguito a nuove tendenze pedagogiche sullo sport che intendevano abbassare la soglia di violenza accettata, rendere più “urbane” ed educative le discipline sportive per formare individui capaci di conservare il controllo delle proprie reazioni ampliandone le agilità mentali.

La necessità di esaltare le caratteristiche psico-fisiche del soggetto sportivo in un gioco che incentivasse la partecipazione di squadra diede vita e diffusione a un genere di attività sportiva in grado di coniugare doti atletiche con qualità di coordinazione e armonia mente-corpo. Il nuovo sport, più modernamente pedagogico, arrivò in Europa con la prima guerra mondiale, importato dalle truppe americane. I soldati statunitensi di base in Italia, infatti, praticavano regolarmente tale sport come disciplina ricreativa.Le prime notizie di una partita di pallavolo in Italia risalgono al 1917: le cronache riportano che vicino Ravenna i militari americani mostrarono agli abitanti come giocare una partita di pallavolo.

I primi incontri italiani si disputarono nel 1928. Nel 1933 ci fu un primo campionato di pallavolo, vinto dal Genova. Ma questo sport prese piede effettivamente solo nel 1945, con una notevole e immediata diffusione tra i giovani. Nel 1946 il successo e la larga partecipazione erano già tali da incoraggiare la costituzione di una Federazione Italiana di Pallavolo (FIPAV) e della Fédération internationale de volleyball (FIBV).

Nel 1957 la pallavolo fu iscritta tra gli sport olimpici e venne inserita nel programma delle Olimpiadi di Tokyo.

A fine anni Settanta l’Italia comincia a farsi sentire sulla scena internazionale mettendo a segno strepitosi successi e affermazioni in campo europeo e internazionale; ai Mondiali del 1978 l’Italia si piazza al secondo posto, dietro la fino allora imperante URSS, e da lì in poi si afferma come una delle più forti squadre del mondo.